Kamal Prakash, Direttore, Alcircle.Com

La pandemia Covid-19 in India e le conseguenze sul sistema dell’alluminio

In India il primo caso di infezione è stato identificato verso la fine di febbraio/inizio marzo, e a inizio maggio abbiamo 56.561 casi confermati, di cui 16.881 sono guariti e 1.895 hanno perso la vita.
Nel frattempo, il governo indiano ha intrapreso una massiccia opera di evacuazione dei suoi cittadini dalla Cina e successivamente dall’Iran, da altri Paesi del Medio Oriente, dall’Europa e dal Sud Est asiatico, e ha anche rimpatriato un gran numero di visitatori internazionali, residenti temporanei, nei loro Paesi d’origine.
Finora il mondo ha trovato solo due approcci collaudati per prevenire la pandemia, il distanziamento sociale e i test, poiché lo sviluppo del vaccino e il suo uso massivo in tutto il mondo è ancora lontano dalla realtà.
Considerando che l’India, con 1,3 miliardi di persone, è densamente popolata e che la struttura per i test e le cure è molto limitata, il governo ha deciso per un blocco obbligatorio dal 24 marzo per tre settimane, poi prorogato fino al 17 maggio. Attualmente sono in funzione solo i servizi essenziali in tutto il Paese: il settore medico, farmaceutico, alimentare, bancario, energetico, idrico e tutti i relativi servizi di supporto. La maggior parte delle industrie di processo continuo è autorizzata ad operare. Sono stati definiti piani per la riapertura calibrata delle industrie e dei servizi, in alcuni settori i rigidi protocolli hanno iniziato a funzionare in modo sistematico dal 20 aprile. Durante questo periodo si sta svolgendo una massiccia attività di test, isolamento e costruzione di strutture di cura in tutta l’India. Tutti i voli, i servizi ferroviari, gli autobus fra città e stati, i servizi di taxi sono fermi. Le persone possono uscire solo per l’essenziale e mantengono l’igiene, la disciplina e la distanza obbligatorie. In poche parole, limitandosi ai test effettuati (circa 1,4 milioni di test finora), l’India ha una media di 40 persone contagiate per milione di abitanti, rispetto alla media globale di 562, che cambia ogni giorno.

Quali sono le possibili conseguenze generali per l’economia nazionale e globale?

Su una popolazione di 1,3 miliardi di abitanti, nell’ambito del programma del governo indiano per aiutare i poveri in questi ultimi anni, sono stati attuati vari programmi di riduzione della povertà, circa 380 milioni di poveri delle zone rurali, agricoltori, donne, hanno conti bancari, assicurazioni, accesso alla sanità gratuita e un’indennità annuale che viene loro corrisposta. Il Governo centrale ha già erogato oltre 5 miliardi di dollari direttamente sui conti bancari di questa popolazione povera, ha assicurato la fornitura gratuita di gas per uso domestico per un valore di oltre 1 miliardo di dollari, fornito gratuitamente circa 60 kg di cereali a ogni famiglia sotto la soglia di povertà e continuerà a farlo ogni due settimane fino a quando dureranno le difficoltà derivanti dalla pandemia. I governi statali hanno aggiunto i loro programmi di aiuto per i poveri e i bisognosi in modo che tutti abbiano un adeguato sostentamento durante l’isolamento, oltre al sostegno di un numero enorme di ONG, di altre organizzazioni e di singoli individui.
Il governo e la Reserve Bank of India, hanno ridotto il coefficiente di riserva di liquidità per le banche, hanno ridotto significativamente i tassi di prestito pronti contro termine, hanno aumentato il potere di prelievo delle banche dalla Reserve Bank, hanno chiesto a tutte le banche e alle istituzioni finanziarie non bancarie di prolungare tutte le rate dovute dei prestiti aziendali e individuali fino a tre mesi, senza classificarli come inadempienti, attività non fruttifere, ecc, e riadattare il piano di pagamento. Alle banche è stato inoltre chiesto di fornire un ulteriore supporto al capitale circolante fino al 25% dei limiti sanciti per l’attività senza richiedere garanzie collaterali o margini aggiuntivi, per garantire che le imprese siano in grado di rispettare gli impegni assunti nei confronti dei propri dipendenti, appaltatori, fornitori. La maggior parte dei pagamenti delle imposte sono stati rinviati di 3 mesi per favorire i flussi di cassa senza alcuna disposizione collegiale, ecc.
Tutto ciò equivarrebbe a un’iniezione immediata di circa 70 miliardi di dollari nell’economia indiana. Attualmente l’economia sta operando a circa il 35-40% del normale, quindi si prevede che perda circa 5-6 miliardi di dollari di PIL al giorno dal 24 marzo. Man mano che il blocco si attenuerà, ci vorranno almeno due o tre mesi per raggiungere un’attività economica quasi normale, salvo gravi perturbazioni impreviste. Le principali agenzie di rating e l’FMI hanno previsto che la crescita del PIL dell’India sarà dello 0,5-1,2% rispetto al 4,8-5,5% dell’inizio dell’anno. La disoccupazione è cresciuta da 7% al 23%, ma il Governo ha assicurato che saranno in arrivo ulteriori interventi economici che copriranno quasi tutti gli elementi della società e delle imprese per ridurre l’impatto e accelerare la ripresa. Tuttavia, essendo un Paese federale molto popoloso e diversificato, raggiungere ognuno degli 1,3 miliardi di cittadini rimane una sfida enorme.

Come ha reagito all’emergenza il vostro sistema industriale dell’alluminio, nei vari segmenti?

L’industria indiana dell’alluminio sta attraversando uno shock dovuto al calo della domanda. Su 3,5 milioni e mezzo di tonnellate di consumo, quasi 700 mila tonnellate provengono dal settore automobilistico, che è ormai totalmente fermo.
Il settore delle costruzioni contribuisce a circa il 10% del consumo di alluminio, e circa al 15% per il settore dei prodotti laminati piatti, destinati all’imballaggio, al trasporto, agli utensili, al condizionamento dell’aria, ecc. Anche tutte queste riduzioni hanno avuto un forte impatto. D’altra parte, i produttori a monte, in particolare gli smelter, stanno avendo seri problemi di approvvigionamento, a cominciare dall’interruzione delle operazioni portuali, dello sdoganamento tempestivo, del trasporto interno per quanto riguarda le materie prime, e gli stessi disagi subiscono i loro principali fornitori, come diversi produttori di coke che hanno interrotto le operazioni a causa della loro incapacità di importare coke verde, mentre i produttori di pece non sono in grado di ottenere forniture di catrame. Allo stesso modo, alcune raffinerie di allumina non sono in grado di mantenere gli impegni presi con gli enti ambientali in termini di smaltimento di fango rosso o cenere delle loro centrali elettriche, così hanno deciso di ridurre le operazioni.
Con il drastico calo della domanda globale, la difficile logistica legata ai movimenti dei metalli, nonché i prezzi e i premi molto bassi dell’LME, la maggior parte dei produttori primari ha deciso di rallentare la produzione riducendo l’amperaggio delle potlines e rimandando il riavvio delle celle dopo rifacimento del rivestimento di refrattario. Temono anche la minaccia di dumping di metallo da parte dei produttori d’oltremare per aggiungere al danno la beffa. In conclusione, mentre sulla produzione di allumina l’emergenza ha un impatto marginale, la produzione di alluminio primario è fortemente penalizzata, mentre il downstream e la produzione di alluminio da riciclo si sono fermati. A breve e medio termine, la domanda del settore dei trasporti e dell’edilizia si ridurrà in modo significativo, mentre gli altri settori dovrebbero risalire a un livello normale nei prossimi 2-3 mesi, a condizione che il blocco dell’attività industriale, iniziato dal 20 aprile, venga progressivamente rimosso.

Come vede il futuro del settore dell’alluminio a livello locale e globale?

La catena del valore totale globale dell’alluminio rappresenta circa l’1% del PIL globale che corrisponde a circa 800 miliardi di dollari, con una crescita economica globale in contrazione, e che potrebbe entrare in territorio negativo, con una ripresa limitata e un LME e premi molto bassi, sta già riflettendo la situazione, con il risultato che le fonderie e le raffinerie cinesi chiudono e tagliano la produzione, e lo stesso viene fatto dai loro omologhi al di fuori della Cina. Con un semplice calcolo, a mio parere quest’anno la catena del valore dell’alluminio globale potrebbe subire una contrazione di almeno il 5% nel 2019, a condizione di riuscire a contenere la crescita globale della pandemia entro un livello ragionevole in aprile. Se ciò dovesse accadere, vari enti di ricerca prevedono per il 2021 un’impennata della domanda tra il 5 e il 6% rispetto al 2020.

Ritiene che il concetto di Green Aluminium sarà premiato nei prossimi anni?

I produttori di Alluminio Verde sarebbero ancora in vantaggio grazie al loro costo più basso rispetto a quelli che producono metallo primario a base di combustibili fossili, nonostante il significativo calo dei prezzi del petrolio e del gas. Peraltro, a breve termine, l’attenzione per promuovere più alluminio verde si sposterebbe verso la sopravvivenza dei più forti, il salvataggio di vite umane e dell’economia. L’attuale pandemia ha costretto tutti noi a vivere in modo più ecosostenibile e ha messo l’ambiente del pianeta terra in una modalità di auto-correzione. Spero che ognuno di noi e i nostri governi accettino questa lezione di vita e smettano di giocare con la natura e cerchino di coesistere e cooperare per la nostra esistenza collettiva e sana sul pianeta.

0 Condivisioni