Industria dell’Alluminio – Sfide e opportunità nel contesto dell’India

A cura di Dr. Pratapaditya Mishra, Visiting Professor, Utkal University and Formerly Additional Director General Aluminium Association of India and Binay Kumar Mahapatra, General Manager (International Marketing) National Aluminium Company (NALCO) Odisha

Impulso alla crescita dell’industria dei metalli non ferrosi in India

Dr. Mishra
Dr. Mishra

A livello globale, la crescita dell’industria dei metalli non ferrosi è stata strettamente associata all’attività di crescita economica a causa dell’ampia applicazione di questi metalli nelle principali sfere delle attività economiche, inclusi i settori delle infrastrutture come l’edilizia, l’energia, l’acciaio e l’automotive. La domanda di metalli non ferrosi è cresciuta a un ritmo costante con un CAGR del 2,8% dal 2013 al 2017, in linea con la crescita del PIL globale del 3,4% durante lo stesso periodo.

L’India è una delle economie in più rapida crescita al mondo. La forte domanda interna unita a diverse riforme intraprese dal governo è di buon auspicio per mantenere lo slancio della crescita economica in futuro. Poiché i metalli non ferrosi trovano applicazioni diffuse in tutta l’economia, la forte crescita del PIL offre un’enorme opportunità per lo sviluppo futuro dell’industria indiana dei metalli non ferrosi. Si prevede che una grande spinta emergerà dall’iniziativa “Make in India” del governo. Nell’ambito di questa iniziativa, il governo ha identificato 25 settori come in primo luogo l’automotive, l’energia, le costruzioni e la difesa, che hanno ampie applicazioni di vari metalli non ferrosi e, quindi, possono fornire una spinta all’industria. Alcune delle riforme chiave intraprese dal governo che dovrebbero rafforzare le prospettive economiche dell’India in futuro sono:

Grafico 1
Grafico 1

Make in India: mira a sviluppare capacità di produzione in India, facilitando gli investimenti, promuovendo l’innovazione, migliorando lo sviluppo delle competenze e proteggendo la proprietà intellettuale. Il governo indiano ha fissato l’obiettivo di aumentare il contributo del settore manifatturiero al PIL al 25 per cento entro il 2025 dall’attuale livello del 17 per cento. Questa iniziativa dovrebbe stimolare la crescita della produzione nel paese e consentire una crescita economica sostenibile ed elevata. Tuttavia, ci sono diversi ostacoli chiave che possono essere affrontati attraverso cambiamenti nella politica e nell’aggiornamento delle infrastrutture.

Città intelligenti: è un programma di rinnovamento urbano del governo indiano con la missione di sviluppare 100 città di questo tipo in tutto il paese rendendole a misura di cittadino e sostenibili. Intende guidare la crescita economica e migliorare la qualità della vita delle persone fornendo un approvvigionamento idrico adeguato, elettricità 24 ore su 24, 7 giorni su 7, servizi igienici, spazi aperti come parchi, parchi giochi, una varietà di sistemi di trasporto, ambiente sostenibile e sicurezza e protezione dei cittadini.

Skill India: lanciata nel 2015 con l’obiettivo di formare oltre 40 milioni di persone in India entro il 2022, l’idea di questa iniziativa è quella di aumentare la fiducia, aumentare la produttività e fornire una direzione alla forza lavoro indiana in modo che possano contribuire in modo sostanziale alla crescita economica del nazione.

Pradhan Mantri Awas Yojna: questo schema abitativo è stato diviso in due componenti “Urbano” e “Rurale” per fornire alloggi a prezzi accessibili ai poveri urbani e rurali entro il 2022. Si prevede che avrà un effetto moltiplicatore sull’economia del paese in termini di spesa pubblica, generazione di occupazione, sviluppo delle infrastrutture, ecc.

Energia 24×7 per tutti: un’iniziativa congiunta dei governi centrale e statale per fornire energia alle famiglie, agli spazi commerciali, alle industrie, all’agricoltura e a qualsiasi entità che consuma energia. Nell’ambito di questa iniziativa, il governo ha annunciato diversi schemi di sviluppo energetico integrato per potenziare la rete di trasmissione e distribuzione, l’installazione di capacità di generazione di energia solare sotto la Jawaharlal Nehru National Solar Mission (JNNSM), l’Ujwal DISCOM Assurance Yojna (UDAY) per ridurre le responsabilità delle società di distribuzione di energia.

India digitale: l’obiettivo principale di questa campagna è migliorare l’infrastruttura digitale del paese e potenziarla nel campo della tecnologia che può beneficiare in termini di efficienza per guidare la crescita economica.

Start-up India: il governo ha lanciato questa campagna con l’obiettivo di promuovere gli imprenditori nel paese che possono guidare una crescita economica sostenibile e aumentare le opportunità di lavoro nel paese.

Imposta sui beni e sui servizi (GST): è stata introdotta per eliminare l’effetto a cascata di più livelli di tasse come IVA, tassa sui servizi, accise, ecc., on l’obiettivo di fare facilmente affari nel paese. Questa riforma dovrebbe a lungo termine aiutare ulteriormente l’India facilitando gli affari, rafforzando i sentimenti degli investitori e attirando più investimenti stranieri.

Atmanirbhar Bharat Abhiyaan (India autosufficiente): il governo indiano ha annunciato questo programma nello scorso maggio 2020 attraverso uno speciale pacchetto economico, del valore di INR 20 lakh crore (2 trilioni di rupie indiane), equivalente a circa il 10% del PIL indiano. Il pacchetto ha lo scopo di fornire il supporto finanziario e politico tanto necessario all’industria artigianale e alle MSME in India. Nell’ambito di questo pacchetto, GoI ha anche annunciato una serie di audaci riforme per attrarre investimenti, migliorare la facilità di fare affari e rafforzare l’iniziativa Make in India. Il pacchetto economico si concentrerà su terra, lavoro, liquidità e leggi. Il pacchetto è stato ideato per dare una spinta alla produzione locale, ai mercati locali e alle catene di approvvigionamento locali, propagando così la visione di Hon’ble PM di “vocal for local”. L’intero programma si concentra sul dare impulso all’iniziativa Make in India e trasformare le aziende indiane locali in globali.

Miglioramento degli investimenti privati ​​nel settore minerario: verrà introdotta un’asta congiunta di blocchi minerali di bauxite e carbone per migliorare la competitività dell’industria dell’alluminio per aiutare l’industria dell’alluminio a ridurre i costi dell’elettricità.

Prospettive dell’industria dell’alluminio in India

Durante il periodo dal 2011-12 al 2017-18, la domanda di alluminio ha registrato un CAGR del 5,4 per cento guidato da una sana crescita nei settori elettrico e automobilistico che rappresentano il 60-65 per cento del consumo totale di alluminio del Paese. La domanda primaria di alluminio è generalmente soddisfatta attraverso l’offerta interna, ma vi è una notevole importazione di prodotti a valle dalla Cina e dal Medio Oriente.

Negli ultimi cinque anni si è verificata una significativa aggiunta di capacità grazie all’attuazione di vari piani di aggiunta di capacità da parte dei principali attori. Nel periodo dal 2011-12 al 2017-18, la capacità di produzione di metallo primario è aumentata da 1,9 milioni di tonnellate all’anno a 4,1 milioni di tonnellate all’anno. Poiché la capacità è cresciuta a un ritmo molto più rapido rispetto alla domanda, le esportazioni sono aumentate a un CAGR del 30% durante il periodo che ha trasformato l’India da importatore netto a esportatore netto di alluminio.

Il consumo pro capite di alluminio dell’India è molto basso (~ 2,5 kg) rispetto alla Cina (24 kg) e alla media mondiale (11 kg), il che lascia prevedere una rapida crescita della domanda nel paese. I principali settori di consumo di alluminio primario, a partire dal 2018, includono il settore elettrico (38%), il settore dei trasporti (21%), l’edilizia (10%), i beni di consumo durevoli (16%), i macchinari e le attrezzature (5%), gli imballaggi (2 %) e altri (4%). Sebbene il settore elettrico sia il principale utilizzatore finale di alluminio primario in India, d’altra parte, il trasporto è il principale utilizzatore finale di alluminio primario a livello globale, con il settore che rappresenta il consumo del 43% del metallo in Giappone e del 35% del metallo in Nord America e in Europa occidentale. Mentre l’industria delle costruzioni rappresenta il 18% del consumo di metalli negli Stati Uniti e il 25% di quello in Giappone, l’industria rappresenta appena il 10% del consumo di metalli in India. Il settore elettrico e dei trasporti sono i principali consumatori di alluminio in India (~ 60%). L’importazione di alluminio e dei suoi prodotti costituisce una fetta sostanziale del consumo in India. L’alluminio in India è utilizzato in sole 300 applicazioni rispetto alle oltre 3000 nei paesi sviluppati, dimostrando la necessità di sfruttare le opportunità di sviluppo dell’impiego dell’alluminio nel paese.

Grafico 2
Grafico 2

Sviluppo del segmento dell’industria dell’alluminio in India

Il settore indiano dell’alluminio è gestito principalmente da grandi operatori integrati come National Aluminium Company (Nalco), Hindalco e Vedanta. Altri produttori di alluminio primario includono Indian Aluminium (Indal), ora fusa con Hindalco, Madras Aluminium (Malco) e Bharat Aluminium (Balco) le ex PSU, che sono state acquisite da Sterlite Industries. In sostanza, vi sono principalmente solo tre produttori di metalli primari nel settore e cioè Balco (Vedanta), National Aluminium Company (Nalco) e Hindalco (Aditya Birla Group).

La rimozione del controllo sui prezzi e sulla distribuzione nel 1989, le riforme generali sulla politica di concessione delle licenze nel 1991 e le successive riforme della politica economica volte alla crescita competitiva delle imprese hanno cambiato le prospettive dell’industria indiana dell’alluminio. Le major nazionali del settore stanno ora perseguendo con entusiasmo programmi di espansione brownfield e greenfield insieme a un’adeguata generazione di energia captive. La politica di liberalizzazione introdotta dal governo indiano ha avuto il suo impatto anche sull’industria dell’alluminio.

Caratteristiche dell’industria indiana dell’alluminio

a) Industria altamente concentrata con solo tre produttori primari nel paese.

b) Comparto controllato da due gruppi privati ​​(Hindalco e Vedanta) e da un’unità del settore pubblico (NALCO).

c) L’elettricità, il carbone sono gli input energetici primari.

d) Tecnologia Bayer-Hall-Heroult utilizzata principalmente da tutti i produttori.

e) Tutti gli impianti hanno le proprie unità captive per un’alimentazione più economica e ininterrotta.

f) Gli impianti hanno fissato l’obiettivo interno di riduzione dell’1-2% del consumo energetico specifico nei prossimi 5-8 anni.

g) Il costo dell’energia è il 40% del costo di produzione per il metallo e il 30% per i prodotti laminati.

h) Tutti gli impianti si concentrano sulla gestione energetica e dispongono di celle di gestione energetica.

Bauxite

Secondo i dati dell’Indian Bureau of Mines, le risorse di bauxite dell’India ammontano a 3480 milioni di tonnellate, di cui 593 milioni appartengono alla categoria delle riserve (provate e probabili) ed il resto di 2887 milioni di tonnellate devono ancora essere completamente esplorate. L’India occupa il 7 ° posto nel mondo nelle riserve di bauxite. Su oltre 3500 milioni di tonnellate di risorse di bauxite nel paese, solo 400 milioni di tonnellate sono state in leasing operativo. Concessione di locazione mineraria, bonifica ambientale, acquisizione di terreni e bonifica forestale sono stati i principali vincoli nello sviluppo di nuove miniere.

Allumina

Capacità di raffinazione installata in India

CompanyRefining Capacity (MT)LocationBauxite Source
NALCO22,75,000Damanjodi, OdishaPanchpatmalli, Odisha
HINDALCO30,00,000Renukoot, UP Belgaum, Karnataka Muri, Jharkhand, Rayagada, OdishaAmarkantak, MP. Richguda & Lohardaga, Bihar. Chandgarh, Maharashtra, Baphlimali Bauxite Mine, Rayagada & Kalahandi, Odisha
Vedanta Ltd.18,00,000 2,00,000*Lanjigarh, Odisha BALCO, KorbaVarious domestic sources and imports
MALCO85,000*Mettur, Tamil NaduShevroy Hills, Tamil Nadu
Total Capacity73,60,000As on March-2020

* Not operational as yet

Produzione di allumina in India

(figures in MT)

COMPANY2015-162016-172017-182018-19
NALCO19,53,00021,00,00021,05,00021,52,000
HINDALCO23,00,00027,00,00029,00,00029,00,000
VEDANTA9,71,00012,08,00012,09,00015,01,000
TOTAL52,24,00060,08,00062,14,00065,53,000

Source: Company websites

Alluminio

Capacità di produzione di alluminio primario installata in India

CompanySmelting CapacityLocationRemarks
NALCO4,60,000Angul, Odisha
HINDALCO
13,20,000Renukoot, UP Hirakud, Odisha Mahan, MP MALCO, TNRenukoot : 345K MT Hirakud : 215K MT. Mahan, MP: 360K MT, Aditya, Odisha: 360K MT MALCO, Metur:40K MT(not in oprn)
BALCO5,70,000Korba, MP
VEDANTA17,50,000Jharsuguda, OdishaJharsuguda I : 500K MT capacity ; Jharsuguda II: 1250K MT capacity
Total41,00,000
Grafico 3
Grafico 3

La produzione nazionale totale di alluminio grezzo durante il FY18-19 è cresciuta del 9,2% su base annua da 3,384 milioni di tonnellate nel 2017-18 a 3,695 milioni di tonnellate nel 2018-19, a seguito della realizzazione di nuovi smelters da parte dei produttori nazionali di alluminio. Anche il consumo interno di metallo primario ha mostrato una crescita del (-) 1,7% su base annua da 2,024 milioni di tonnellate nel 2017-18 a 1,989 milioni di tonnellate nel 2018-19. Il consumo interno totale di alluminio grezzo, compresi i rottami, ha mostrato una crescita dell’11,1% su base annua da 3,621 milioni di tonnellate nel 2017-18 a 4,023 milioni di tonnellate nel 2018-19. Ciò è stato in gran parte dovuto all’aumento del decollo dei settori elettrico, dei trasporti e delle costruzioni. Anche le esportazioni di alluminio dei produttori primari indiani hanno registrato una crescita del 18,2% su base annua, passando da 1,724 milioni di tonnellate nel 2017-18 a 2,038 milioni di tonnellate nel 2018-19, l’India continuerà pertanto ad essere, oltre alla Cina, tra i principali centri di crescita della produzione primaria.

Nel mercato interno, con la maggiore spinta del governo sulle infrastrutture, si prevede che il fabbisogno di alluminio dai settori elettrico, edile e delle costruzioni debba aumentare notevolmente. Si prevede che le iniziative del governo come il programma “Make in India”, il programma 100 “Smart Cities”, l’elettrificazione rurale al 100%, i programmi spaziali indigeni, l’indigenizzazione degli appalti e della produzione della difesa, ecc. determinino un aumento significativo dell’utilizzo dell’alluminio nei prossimi anni.

I principali utenti finali dell’alluminio includono il settore dell’energia e dell’elettrotecnica, degli imballaggi (foglio sottile per uso domestico, lattine per bevande e contenitori per alimentari, contenitori rigidi e semirigidi per varie utilizzazioni), trasporti (motori e componentistica auto e vari mezzi per la mobilita’), costruzioni ed edilizia (finestre, persiane, facciate continue, pareti divisorie, porte, pannelli rivestimento, arredo bagno e riscaldamento) e beni di consumo durevoli domestici ed elettrodomestici (frigoriferi, lavatrici) , ecc. Inoltre, mentre la domanda nel mondo occidentale è equamente distribuita tra i settori di utilizzo, lo stesso non vale per l’India, dove la domanda è concentrata nel settore elettrico ed elettronico.

I prodotti a valle includono laminati di vario tipo, estrusi e barre, forgiati e getti di fonderia. Oltre ai produttori di alluminio primario, ci sono produttori di alluminio secondario che rappresentano circa il 40% del consumo di alluminio in India. Ci sono più di 1000 attori nel settore dell’alluminio secondario non organizzato costituito da numerose PMI sparse in vari stati dell’India.

Indian aluminium production, consumption and exports:

(figures in MT)

Company2016-172017-182018-19
Primary Aluminium Production
NALCO387,422425,515440,242
HINDALCO1,264,0621,288,3511,296,468
VEDANTA1,213,0991,669,7411,958,422
Total2,864,5833,383,6073,695,132
Primary Aluminium Sales
NALCO284,926350,469402,134
HINDALCO662,902640,617636,120
VEDANTA597,300671,946615,910
Total1,545,1281,663,0321,654,164
Imports
Imports (Primary Aluminium)422,355360,847334,867
Imports (Other Al. products)396,913475,468670,265
Imports (Scrap)931,2491,121,4361,364,109
Total Imports1,750,5171,957,7512,369,240
Consumption = (Sales+Imports)
Total3,295,6453,620,7834,023,404
Exports
NALCO100,59175,84738,463
HINDALCO600,505649,986658,935
VEDANTA610,657998,5221,340,201
TOTAL487,081769,075884,080

(Note: import data 2013-14 to 15-16 sourced from Ministry of Commerce data bank. Domestic sales and production data from Market sources)

Sinergia India-Italia come partner naturali nello sviluppo dell’industria dell’alluminio

In qualità di sostenitori di una società più libera, sia l’India che l’Italia hanno tutte le naturali prerogative per essere i partner naturali in ogni tipo di collaborazione e cooperazione nelle diverse aree tecnico-economico-sociali. I driver sono:

 L’Italia è un importante membro dell’Unione Europea e un importante partner commerciale dell’India.

 L’assetto industriale italiano è simile a quello indiano con un gran numero di piccole e medie industrie.

 L’Italia è il quinto partner commerciale dell’India nell’UE con un fatturato commerciale bilaterale annuale di $ 10,4 miliardi (2017-18). La presenza di oltre 600 aziende italiane è in India. Anche le società indiane stanno investendo e acquisendo quote in Italia.

 Per quanto riguarda l’industria dell’alluminio, il quadro molto dinamico del flusso di metallo primario a livello mondiale deve essere sottolineato come un elemento significativo; in questo contesto l’India è un Paese esportatore, quindi è molto importante per l’intera area europea che è nota per essere sempre scarsissima di metallo primario. In termini di complementarità, non va sottovalutata la prevedibile domanda da parte del sistema a valle indiano di impianti e tecnologie all’avanguardia; l’Europa e soprattutto l’Italia sono ben attrezzate con un tale know-how.

 La collaborazione tra due forti eventi internazionali come International Conference and Exhibition on Aluminium (INCAL) e METEF nel settore dei metalli può creare opportunità per i produttori di materie prime, lavorazioni, lavorazioni meccaniche, tecnologie, macchinari e impianti, prodotti e applicazioni nonché sulle più moderne tecnologie per il recupero e riciclo dei metalli e le soluzioni più originali per l’industria automobilistica.

 Il ruolo di ArtValley e Indo-Italian MetalHub è molto significativo per lo sviluppo di relazioni ad ampio raggio tra India e Italia, con un progetto per la definizione della cooperazione in ricerca e sviluppo tra i distretti industriali in Italia e in India e molta attenzione dedicata alla filiera industriale dell’alluminio.

Impatto di COVID-19 sull’industria mondiale dell’alluminio

Lo scoppio del virus COVID-19 a Wuhan, la capitale dell’Hubei (Cina) che rappresenta il 4,5% della produzione cinese, ha determinato una pandemia globale, come dichiarato dall’OMS, e ha gravemente colpito l’economia globale e quella nazionale indiana, ovviamente la recessione avrà un impatto negativo anche sull’industria dell’alluminio. Il forte calo e l’ampia fluttuazione dei prezzi del metallo leggero nello scenario pre e post COVID-19 ha portato il 60% degli smelters nel mondo a subire perdite di cassa. La prolungata interruzione della catena del valore della logistica stresserà ulteriormente il settore già molto provato. Per i produttori in Europa e Nord America si è registrata una contrazione della domanda di circa 4,7 Mln MT. Gli analisti di HARBOR hanno stimato un surplus di metallo primario di 5,2 Mln MT nel 2020 compreso il surplus di mercato di ROW che raggiunge circa 3,2 Mln MT. Alcuni dei punti fermi della questione sono:

La Cina, fulcro globale della produzione e della logistica della catena di fornitura delle materie prime, è stata colpita dal COVID-19: ha influenzato la fornitura di materie prime critiche come il fluoruro di alluminio, la soda caustica, il petrocoke, i ricambi critici.

L’accumulo di scorte crea pressione sul capitale circolante e sulla redditività anche per i produttori a basso costo: la riduzione delle scorte e il rendimento netto sono sfide chiave che molti produttori devono superare nei trimestri successivi.

Impatto sulla catena di approvvigionamento e sulla logistica: l’Australia è un importante centro di approvvigionamento della materia prima per la produzione di alluminio, la bauxite. Arresti e blocchi dell’estrazione di bauxite hanno determinato una grave carenza di materia prima, causa di pericolose oscillazioni dei prezzi nel mercato dell’allumina e del metallo grezzo.

Il rallentamento dell’industria a valle della trasformazione:

COVID-19 ha creato un impatto a cascata sulla produzione di billette per estrusione, placche di laminazione e lingotti da fonderia.

Interruzione della produzione automobilistica: a causa del blocco in molti paesi, le spedizioni di automobili hanno subito un impatto significativo, con un impatto complessivo sull’economia. Anche le richieste dei consumatori si sono drasticamente ridotte a causa di varie incertezze.

Tecnologie che potrebbero prevenire interruzioni dell’attività nell’industria dell’alluminio:

Industria 4.0: lo sviluppo è mirato alle tecnologie di automazione avanzata in particolare negli smelters. La robotica integrata nelle produzioni elettrolitiche abbatte l’impiego di capitale umano ed evita anche una movimentazione non sicura dei materiali.

Miglioramenti al controllo dei processi: l’automazione dei dati di produzione e la relativa acquisizione e gestione in tempo reale migliorerà ed ottimizzerà il controllo del processo.

Consumo globale previsto

Si prevede che il consumo mondiale di alluminio sarà di 92 Mln MT entro il 2025-26 e 119 Mln MT entro il 2031-32 in base alla correlazione tra PIL mondiale e consumo mondiale di alluminio e tenendo conto anche della crescita del PIL dell’1,4% nel 2020-21 e 1,5% nel 2021-22 (dalla precedente proiezione del 3,2% del FMI) e successivamente stabilizzarsi al 2%.

HARBOR stima che la domanda mondiale di alluminio primario si contrarrà del 9,4% a / a nel primo semestre 2020 e del 5,0% anno su anno in tutto il 2020.

Poiché i prezzi del LME sono scesi ai minimi di 4 anni in termini nominali e di 70 anni in termini reali, la capacità operativa non redditizia nel mondo occidentale, principalmente situata negli Stati Uniti, in Europa e in Oceania, è salita a 4 Mln MT, mentre la capacità operativa non redditizia della Cina è salita a 27 Mln MT, cioè circa il 75% del totale del paese.

Impatto di COVID-19 sul settore indiano dell’alluminio

Naturalmente anche l’economia indiana è stata ed è gravemente colpita da COVID-19. Goldman Sachs ha abbassato la crescita dell’India dal 3,3% all’1,6% nel 2020-21. Standard and Poor (S&P) ha mantenuto il tasso di crescita dell’India al 3,5%. L’ADB ha previsto una crescita indiana del 4%. Con un prevedibile calo del PIL nel secondo trimestre e nel terzo trimestre dell’anno fiscale 2020-21, il PIL dell’India per l’intero anno potrebbe essere compreso tra il 2% e il 3%.

In India l’80% dell’alluminio viene consumato dal settore edile, dei trasporti ed elettrico, che dovrà affrontare una decelerazione della domanda di 1 o 2 Mln MT di metallo leggero. L’industria dell’alluminio avrà un effetto di contraccolpo dalle sue unità a valle (MSME) che si trovano ad affrontare più vicino a causa dell’effetto di blocco, riduzione della spesa discrezionale da parte dei consumatori, mancanza di manodopera e crisi di liquidità. Si prevede in sostanza che il consumo di alluminio in India sarà di 5,66 Mln MT entro il 2025-26 e 7,69 Mln MT entro il 2030-31 in base alla correlazione tra PIL e consumo di alluminio e tenendo conto che il PIL scenderà dal 2% al 3% nel FY 20-21 con una ripresa attesa fino al 5% nel FY 21-22 e successivamente una stabilizzazione al 7%.

Impatto laterale della domanda e dell’offerta

• L’interruzione nella fornitura di materie prime in ingresso come soda caustica, calce, coke CP, fluoruro di alluminio, in maggior parte soddisfatta con le importazioni dalla Cina, avrà un impatto negativo sul settore dell’alluminio in India.

• La grave crisi di liquidità derivante dalla persistente debolezza del settore finanziario sta influenzando profondamente i consumi. La recente iniziativa fiscale e monetaria presa da RBI nel fornire liquidità di circa il 3,2% del PIL nel mercato faciliterà la disponibilità di liquidità sul mercato.

• Con la recessione economica la esportazione indiana di 2 Mln MT principalmente verso il Sud-est asiatico rischia di incontrare anche seri problemi logistici.

• Anche il settore automobilistico in India è duramente colpito e il consumo complessivo dovrebbe diminuire dal 19% circa nel breve e medio termine.

• Potrebbe esserci un potenziale boom nel settore degli imballaggi con una crescente attenzione alla salvaguardia della salute, date le invidiabili proprietà igieniche dell’alluminio e il boom delle industrie farmaceutiche.

• Anche il settore dell’edilizia e delle costruzioni, pesantemente colpito dagli effetti di Covid-19, ha bisogno di sostegno politico e fiscale per ripartire, recuperando i posti di lavoro perduti ed aumentre il consumo di alluminio.

WAY FORWARD per lo scenario dell’industria indiana dell’alluminio post COVID-19

L’industria dell’alluminio ha un alto potenziale per creare strumenti di sviluppo nel Paese, si stima che la produzione di 1 Mln MT di alluminio crea circa 200.000 posti lavoro. Al fine di stimolare la crescita nell’industria dell’alluminio, è stato suggerito un piano di rilancio che comprende un pacchetto di misure di crescita come indicato di seguito:

  • Maggiore enfasi sui settori di utilizzo finale essenziali come l’alimentazione e l’imballaggio.
  • Molteplici alternative della catena di fornitura per le spedizioni: crea collegamenti di marketing strategico con i concorrenti per utilizzare la loro base di marketing nelle regioni COVID-19 meno colpite. I produttori dovrebbero considerare canali di vendita alternativi, come commercianti, nuovi potenziali utenti finali, rivenditori online, aste spot, ecc.
  • Iniziative di riciclo accelerate: l’alluminio secondario richiede fino al 95% in meno di energia rispetto alla produzione primaria. Al recupero e riciclo dovrebbe essere data la dovuta importanza per la sostenibilità a lungo termine del settore. La produzione di metallo secondario dovrebbe essere implementata per contribuire sino al 30-35% del fabbisogno di metallo leggero domestico, in linea con la tendenza internazionale.
  • Selezionare gli impieghi del metallo in funzione della sua qualità (grado di purezza, caratteristiche tecniche e tecnologiche), puntando alle produzione a miglior VAP (valore aggiunto) relativo. Sviluppo di applicazioni e introduzione di nuove tecnologie attraverso l’Industria 4.0 nell’intera filiera del settore dell’alluminio.
  • Gestire accuratamente l’acquisizione e la gestione delle materie prime e dei materiali di consumo, fattori chiave per ottimizzare il ciclo domanda-offerta e approvvigionamento.
  • Promuovere la produzione a valle in ogni paese per mantenere VAP nell’inventario. In alternativa, entrare in nuovi territori di mercato per avere una base più ampia per mitigare il rischio a breve termine di COVID-19.
  • Concentrare ed espandere la R&S nei prossimi anni per lo sviluppo e la facilitazione dell’approvvigionamento localizzato. Fare pressione sui produttori di primario per svolgere un ruolo di supporto allo sviluppo del segmento industriale di trasformazione e lavorazioni a valle.
  • Costruire strutture organizzative strategiche con l’impegno a investire in automazione, sforzi di miglioramento continuo e formazione dei dipendenti con l’obiettivo di mantenere bassi i costi per l’azienda.
  • Supporto in termini di sgravi fiscali, riduzione dei dazi all’importazione e vantaggi all’esportazione.
  • Bilanciamento del dazio in caso di rottame per aiutare i produttori primari e secondari.
  • Rilancio del mercato dei consumatori tramite sgravi fiscali per acquirenti e venditori di auto.
  • Attento controllo governativo delle risorse energetiche per le produzioni di metallo. La produzione di alluminio è un’industria ad alta intensità energetica, il fabbisogno energetico dio primario rappresenta all’incirca il 40% del totale costi produttivi. Il controllo delle risorse è essenziale per la sopravvivenza e la crescita dell’industria dell’alluminio.
  • Conservazione della bauxite.

L’India avrà la bauxite per ca. 45-50 anni al livello attuale di riserva e consumo. Il minerale deve essere conservato per consentire benefici a lungo termine dall’aggiunta di valore all’interno del paese. Con le linee guida IBM riviste, le raffinerie di allumina indiana dovranno lavorare i minerali di bauxite magri conservando così il prezioso minerale.

  • Al fine di proteggere le MSME di alluminio, il dazio all’importazione sui prodotti di alluminio per uso finale dalla Cina e da altri paesi nei codici doganali da 7603 a 7612 sarà aumentato dal 5% al ​​10% e il dazio all’importazione di metallo grezzo (7601) e rottami (7602) essere incrementato del 5%.
  • La filiera industriale dell’alluminio dovrebbe essere riconosciuta come attività industriale prioritaria, e dovrebbe essere introdotta una specifica Politica nazionale sull’alluminio. L’industria dell’alluminio può essere incoraggiata fornendo incentivi adeguati a spendere CAPEX nella creazione di nuovi impianti e / o nell’aggiornamento di quelli esistenti.
  • La politica nazionale sui rottami di alluminio dovrebbe essere introdotta per regolamentare l’importazione e l’uso di rottami di alluminio. La politica aiuterà a evitare il calo della qualità dell’alluminio riciclato.
  • Implementare il fondo ristrutturazione prestiti / rifinanziamento a lungo termine di prestiti.
  • Misure di sviluppo della domanda: il governo consultandosi con l’industria dell’alluminio può sviluppare politiche e linee guida per aumentare il consumo di alluminio nelle diverse applicazioni di miglioramento in particolare nl campo dei trasporti, sia per il miglioramento delle prestazioni delle auto, sia nei trasporti su rotaia con la sostituzione di carrozze in acciaio nei treni suburbani e treni merci con vagoni in alluminio; indispensabili anche sorzi per un maggior uso dell’alluminio nell’edilizia residenziale e commerciale, promuovere l’impiego dell’alluminio negli imballaggi di prodotti alimentari, imporre l’uso dell’alluminio nei progetti Smart City come iniziativa verde.
0 Condivisioni