Metef guarda all’eccellenza del sistema italiano alluminio

Si terrà a Verona dal 27 al 30 maggio 2020 la dodicesima edizione di Metef, il principale appuntamento italiano del manifatturiero avanzato, con un focus sulle tecnologie e le applicazioni più innovative dell’alluminio e delle sue leghe

di Roberto Guccione

Metef è stato il primo evento internazionale dedicato all’alluminio ed alla sua filiera, dalle materie prime alle trasformazioni, lavorazioni, tecnologie, macchine e impianti, prodotti e applicazioni. Nato nel 1996 nel baricentro italiano dei metalli, ha costantemente registrato e informato il mondo industriale sugli straordinari sviluppi vissuti dal metallo leggero in poco più di vent’anni e sulle dinamiche del mercato, dalle crisi energetiche al fenomeno del recupero e riciclo, dalla crescita cinese ai nuovi impieghi nei trasporti, dalla fonderia all’estrusione, dalla laminazione ai trattamenti superficiali. Metef ritorna nel 2020 a Verona, organizzato da Veronafiere, dal 27 al 30 maggio, con l’intenzione di offrire una vetrina privilegiata al know-how italiano nella trasformazione e lavorazione del metallo leggero. In continuità con Metef 2017, che aveva registrato un aumento di oltre il 25% delle presenze di operatori e visitatori esteri rispetto all’edizione precedente, la prossima edizione della manifestazione sarà all’insegna dell’internazionalizzazione, dell’innovazione, della sostenibilità e del valore del know-how italiano nel settore dei metalli Hi Tech, che dopo la crisi ha visto la nascita di nuovi protagonisti nel campo delle produzioni, delle tecnologie e dell’impiantistica.
Metef 2017 aveva infatti colto l’inversione di tendenza dell’intera filiera dell’alluminio e dei metalli innovativi, evidenziando trend particolarmente favorevoli di sviluppo soprattutto in macro aree trasversali molto dinamiche, come l’automotive, l’efficienza energetica e la digitalizzazione. Metef 2020 rivolgerà quindi grande attenzione agli sviluppi delle soluzioni Industria 4.0 e ai processi di digitalizzazione dei processi industriali, che si stanno diffondendo sempre più velocemente in tutta la filiera del metallo leggero, dalla fonderia alla fabbricazione di prodotti finiti. Ma Metef è anche la sintesi dell’intera filiera, un grande contenitore di aree specializzate dove l’innovazione e le soluzioni custom saranno protagoniste negli spazi espositivi e negli eventi collaterali. Il valore dell’effetto filiera di Metef risalterà nella sezione dedicata all’automotive, un’area di importanza strategica, vetrina e testimonianza della straordinaria tecnologia italiana del comparto per superare le sfide del mercato globale puntando sulle complementarità e la convergenza delle imprese.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: